NOTIZIE E PREVISIONI METEOROLOGICHE DAL PIEMONTE ALLA SICILIA




Meteo MARZO: Potrebbe aprirsi con il ritorno del BURAN SIBERIANO con tanta NEVE in PIANURA. La Tendenza


di  Redazione, 20-02-2021 ore 11:30      Condividi su facebook  Condividi su whatsapp  


Si potrebbe dire "a volte ritornano". Parliamo del freddo gelido di stampo russo-siberiano, che non ha mai smesso quest'anno di condizionare il tempo di tutta la Russia e le molte regioni europee vicine, riportando spesso alla mente quegli inverni del passato, anni 40'/50', in cui davvero le temperature dei Paesi orientali toccavano valori molto bassi.

Quale sarà la tendenza di marzo?

A nostro avviso, vengono a porsi le condizioni atmosferiche ideali per un ritorno in grande stile del BURAN! Il motivo è molto semplice. La massa d'aria molto fredda di origine siberiana, continua a stazionare sempre nei suoi territori di competenza, ma allungando spesso i suoi tentacoli sugli immediati Paesi nord-orientali europei. Il tutto è dovuto anche alla maestosità dell'anticiclone russo-siberiano, che dopo diversi anni, è tornato a dettare legge su gran parte delle zone orientali. Nei primi giorni di marzo, riteniamo che ci sia lo spazio sufficiente per permettere all'anticiclone azzorriano di puntare verso Nord, facendo da blocco alle correnti atlantiche e innescando un meccanismo abbastanza ormai rodato, ovvero quello di pescare aria gelida dalla vicina Russia, richiamandola verso sud-ovest. Prima parte del mese quindi con l'incognita che prende sempre più piede del ritorno del BURAN anche sull'Italia accompagnato da nevicate sino alle quote di pianura. Fondamentali saranno i prossimi aggiornamenti dei modelli matematici che non esiteremo ad analizzare.

Il proseguo del mese poi, potrebbe essere condizionato ancora da correnti fredde orientali, soprattutto sulle regioni adriatiche, ma a partire dalla metà della seconda decade e per tutta la restante parte, dovrebbe instaurarsi un ritorno alla normalità climatica, con temperature primaverili e anticiclone sub-tropicale. Ribadiamo sempre il concetto, che le tendenze previsionali non devono essere interpretate come certezze data la distanza temporale elevata. Restate aggiornati insieme a noi.




LEGGI ANCHE