NOTIZIE E PREVISIONI METEOROLOGICHE DAL PIEMONTE ALLA SICILIA




CORONAVIRUS: PASQUA in lockdown, cosa si PUO' fare e cosa NO. Spostamenti molto LIMITATI


di  Redazione, 02-04-2021 ore 19:30      Condividi su facebook  Condividi su whatsapp  


Zona rossa il 3, 4 e 5 aprile, su tutto il territorio nazionale. Ovunque si applicheranno, con poche deroghe, le restrizioni da zona rossa, visto che non ci sono regioni o province autonome in aree bianche. Dunque pranzi pasquali con pochi commensali al tavolo, ristoranti vietati (se non per consegne o asporto). Possibili visite a parenti e amici, ma con precise regole da rispettare. Con autocertificazione ci si potrà spostare solo per comprovati motivi di lavoro, salute o necessità. Si può comunque fare rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione. Questo significa che ci si può anche spostare nelle seconde case di proprietà o in affitto a lungo termine facendo attenzione al fatto che alcune regioni hanno vietato il raggiungimento delle seconde case. Una deroga prevista dal decreto legge 30/2021 consente nelle regioni e nelle province autonome di Trento e Bolzano lo spostamento, in ambito comunale, verso una sola abitazione privata abitata, una volta al giorno, fra le 5 e le 22, nei limiti di due persone ulteriori rispetto a quelle già conviventi nella casa.

É possibile effettuare il pranzo di Pasqua con amici o parenti. Anche se a numero ristretto. Nel corso delle giornate di Pasqua è infatti consentito uno spostamento al giorno, in ambito regionale, per raggiungere una sola abitazione di amici o parenti, nella fascia oraria dalle 5 alle 22. Ma attenzione: lo spostamento può avvenire solo in due adulti, accompagnati dai figli al di sotto dei 14 anni e dalle persone con disabilità o non autosufficienti conviventi. Incontrando persone non conviventi viene consigliato l’uso della mascherina anche all’interno delle abitazioni e il distanziamento. Resta il coprifuoco dalle ore 5 alle 22.




LEGGI ANCHE