NOTIZIE E PREVISIONI METEOROLOGICHE DAL PIEMONTE ALLA SICILIA




CORONAVIRUS: Chi ha contratto il COVID-19 ed è GUARITO, è più PROTETTO di un VACCINATO. Lo afferma un virologo


di  Redazione, 03-05-2021 ore 20:30      Condividi su facebook  Condividi su whatsapp  


A fare il punto della situazione attuale è Luca Guidotti, virologo e docente di Patologia generale nell’Università Vita-Salute San Raffaele e vicedirettore scientifico dello stesso ospedale milanese. A seguito di una sua intervista sono emerse tante novità, alcune anche molto rilevanti.

L'esperto afferma che i vaccini sono davvero importanti, ma solo se fatti costantemente e senza pause. “Solo così facendo il virus può avvertire la pressione e scappare definitivamente. Ma attenzione, scappando può anche mutare e ritornare in qualsiasi momento con più aggressività”. Ed è proprio questa la paura maggiore che incorre attualmente in tutto il mondo.

Inoltre, Guidotti afferma che non è possibile prospettare dei tempi di “pacificazione” tra noi e il virus. “Proprio in merito alle varianti ci attrezzeremo con antidoti modificati e probabili richiami annuali fino al tal punto che il virus sarà endemico” afferma il virologo.

Ma non è finita. Quello che più stupisce tutti durante la sua intervista è ben altro. L’esperto mette in risalto il ruolo dei linfociti T (specializzati nel riconoscimento delle cellule infette dal virus). Secondo lui, questi globuli bianchi danno più protezione rispetto agli anticorpi vaccinali.
Per questo, dinanzi alla domanda: "Afferma che chi ha avuto il Covid-19 è più protetto di un vaccinato?", senza esitare la sua risposta è stata: "Esatto. E non solo. Questa immunità naturale dà una protezione contro tutto il virus, non solo dalla Spike, e quindi gli ex pazienti saranno molto più al riparo anche dalle nuove varianti”.




LEGGI ANCHE