NOTIZIE E PREVISIONI METEOROLOGICHE DAL PIEMONTE ALLA SICILIA




CORONAVIRUS: Allarme in Italia, ci sono tre grossi FOCOLAI tra giovani di diverse regioni. La situazione


di  Redazione, 13-07-2021 ore 20:30      Condividi su facebook  Condividi su whatsapp  


La situazione covid nel pieno della stagione estiva si fa preoccupante. Le ultime notizie non sono per niente buone. La variante Delta del coronavirus sta innescando una serie di focolai tra giovani di diverse regioni e questo non fa altro che mettere in allarme gli esperti e virologi italiani in quanto temono che tutto questo possa proiettarci verso una nuova ondata dell’epidemia tra qualche mese.

Sono esattamente tre i focolai più importanti tra cui uno a Roma, dove circa 30 ragazzi dell’età di 20 anni hanno partecipato ad un evento musicale nel giardino esterno del locale ‘Malaspina di Anguillara Sabazia’. Ora tutti presentano i sintomi del covid: febbre alta e mal di testa.

Poi c’è Codogno, in provincia di Lodi, il primo paese in Italia dove fu scoperto il paziente 1 del Covid-19. Qui, in seguito ad una festa in discoteca alla quale hanno partecipato circa una ventina di ragazzi dell’età compresa tra i 15 e 19 anni, sono stati accertati 11 casi, di cui 2 con la variante Delta. Degli altri 9 si è in attesa degli esiti del sequenziamento. “È importante che tutti coloro che hanno avuto accesso al locale Koral - Beach Club di Codogno nella serata del 26 giugno, o che hanno sostato in prossimità dell’ingresso, si sottopongano a tampone per la ricerca del virus SARS-Cov-2” avverte Ats Lombardia (Agenzia di Tutela della Salute).

L’ultimo focolaio, il più grave, è quello scoppiato sul Gargano, in Puglia, nella struttura ricettiva "African Beach". E’ accaduto esattamente dopo un viaggio organizzato da ScuolaZoo nel periodo 26 giugno – 1° luglio e sono stati 34 i ragazzi dell’età compresa tra i 16 e i 19 anni risultati positivi al coronavirus. In questo momento è attivo il contact tracing da parte delle autorità sanitarie delle regioni dove erano domiciliati i ragazzi e in più sono stati effettuati circa 400 tamponi, compresi anche quelli a tutto lo staff dell’organizzazione che era presente.




LEGGI ANCHE